December 5, 2022

L'ambasciatore Ali Sharif Ahmed afferma che la stabilità della Somalia continua a rafforzarsi con il sostegno degli Stati Uniti

Ali Sharif Ahmed
Ali Sharif Ahmed
Click below and listen to this article

Ali Sharif Ahmed è ambasciatore della Somalia negli Stati Uniti dal settembre 2019. Prima della sua nomina, l'ambasciatore Ahmed aveva ricoperto la carica di ambasciatore somalo in Etiopia e Francia. Ha anche ricoperto il ruolo di rappresentante somalo presso l'Unione Africana e l'UNECA.

Per decenni, la Somalia è stata devastata dalla guerra nazionale poiché ha lottato per stabilire un forte governo federale e il terrorismo è diventato dilagante.

Tuttavia, l'ambasciatore Ali Sharif Ahmed sembra essere ottimista sul recupero dopo anni di distruzione e sulla costruzione di un futuro migliore in Somalia. «La Somalia è resiliente e l'impegno del suo popolo a ricostruire la propria patria e preservare la sua integrità territoriale è illimitato», ha affermato l'ambasciatore.

Ha anche affermato che il sostegno degli alleati chiave è una componente fondamentale per il raggiungimento del progresso della Somalia, affermando: «La stabilità della nostra nazione continua a rafforzarsi con il sostegno della comunità internazionale e del governo degli Stati Uniti».

L'ambasciatore Ali Sharif ha anche ricoperto incarichi aggiuntivi come senior policy advisor presso l'Ufficio del Presidente e Vice Presidente del Segretario degli Affari Esteri. Prima di entrare nel settore pubblico, Ali Sharif Ahmed era un dirigente d'azienda, imprenditore e consulente.

Ha conseguito una laurea in Peace and Conflict Studies presso la London Metropolitan University e un master in Geopolitica e Grande Strategia presso l'Università del Sussex.

C'è molto lavoro da fare in Somalia, che è una delle nazioni più povere, pericolose e corrotte del mondo.

Nel 2021, 5,6 milioni di persone in Somalia erano a rischio alimentare e 2,8 milioni di persone non soddisfacevano il loro fabbisogno alimentare giornaliero. Una combinazione di conflitti violenti, pandemia di covid-19 e la peggiore siccità della nazione da decenni ha lasciato milioni di persone bisognose di aiuti.

Nel suo indice di percezione della corruzione del 2021, Transparency International ha classificato la Somalia come il secondo governo più corrotto al mondo. Nell'indice di libertà di Freedom House del 2022, la Somalia ha ricevuto solo un punteggio di libertà complessivo di 7 su 100.

Il governo della Somalia è diventato noto come repressivo, corrotto, duro e antidemocratico.

Il conflitto ha travolto la Somalia per decenni, poiché l'insicurezza è stata un problema diffuso. Nel 2021, la Somalia si è classificata al terzo posto nella lista delle nazioni più colpite dal terrorismo di Vision of Humanity. Intere aree del Paese sono controllate dal gruppo estremista jihadista al-Shaba.

Le relazioni tra Somalia e Stati Uniti hanno il potenziale per avere un impatto incredibile mentre la Somalia affronta una battaglia di idee tra democrazia e oppressione, nonché tra diritti umani e caos.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?